Notizie / Giochi

Come posso scrivere di videogiochi in questo momento?

Come posso scrivere di videogiochi in questo momento? Questa è una domanda che mi pongo da un po' di tempo.

Credito immagine in primo piano: Tyler Tomasello/Zuma/Rex/Shutterstock via Goaltender.


Come posso scrivere di videogiochi in questo momento?

Questa è una domanda che mi pongo da un po' di tempo. Con il mondo che sembra bruciare intorno a me, scrivere di videogiochi sembra la cosa meno importante al mondo. E, per essere onesti, anche prima dell'inizio del 2020, la maggior parte di quel lavoro sembrava in qualche modo superfluo.

Voglio dire, ovviamente mi diverto a recensire i giochi e amo fare battute stupide su Waluigi che è cresciuto in una vasca alla Nintendo, ma non apprezzo molto il mio lavoro. È un buon lavoro. È (di solito) un lavoro divertente. Ma non lo definirei strettamente necessario.

Nonostante questo sia stato nella mia mente per alcuni mesi, gli eventi degli ultimi giorni l'hanno davvero portato alla ribalta. Il mondo ha davvero bisogno che io parli del Sega Game Gear Micro quando così tante persone protestano contro la brutalità della polizia ogni notte? Devo anche pubblicare un articolo sulle impressioni per Favole di bug quando potrebbe, in teoria, guardare dall'altra parte delle principali notizie che si stanno diffondendo in tutto il paese?

La risposta facile è decisamente, inequivocabilmente, no. Nel grande schema delle cose, i videogiochi non sono così importanti. Tuttavia, nel 2020, non ci sono davvero risposte facili.

NBA Street Vol. 2 NBA Street, EA Sports

Mentre faccio fatica a rispondere alla domanda da solo e a decidere la migliore linea d'azione, non posso fare a meno di ripensare alla mia infanzia. Cresciuto nell'Oklahoma rurale, il razzismo era abbastanza comune. La mia classe aveva circa 185 bambini e solo uno di noi era nero. L'unico altro ragazzo nero del mio liceo era suo fratello minore.

Ricordo una presentazione molto vivace a un ballo di Halloween fuori dal campus e ho visto un gruppo di anziani fuori distribuire moduli per unirsi al KKK. Spero che sia stato solo un brutto scherzo, ma, date alcune delle altre cose a cui ho assistito, non sarei sorpreso. A uno dei nostri after-prom, alcuni ragazzini si sono presentati con dei passamontagna bianchi. Durante il mio primo anno di college, un buon amico mi ha parlato in dettaglio del suo piano per sparare al presidente Obama se eletto.

E la cosa più terrificante per me è che dovevo vederla. Non ho mai dovuto convivere con questa paura che posso solo immaginare ogni giorno della mia vita.

È strano pensare di crescere in un posto così arretrato. Ad esempio, come ho fatto a non essere un razzista completo? Molto probabilmente è perché i miei genitori sono persone perbene, ma penso di dover molta gratitudine ai videogiochi.

Non ho avuto molti amici crescendo e sono stato un po' vittima di bullismo per essere sovrappeso. Quindi, come molti, mi sono rivolto ai videogiochi per sfuggire alla mia realtà. Naturalmente, c'era solo una persona che mi parlava nella mia stanza. Ma se riuscivo a premere bene i pulsanti, alla gente piaceva il mio barbaro Diablo 2.

Uno dei giochi più formativi della mia infanzia è, senza dubbio, NBA Via Vol. 2. Ma non è il gameplay che è stato così incredibilmente influente nella mia vita, è la colonna sonora.

Con brani di artisti come Black Sheep, Talib Kweli, Pete Rock e CL Smooth, questa raccolta di musica ha plasmato la maggior parte dei miei interessi musicali fino ad oggi. Mentre tutti nella mia scuola ascoltavano Garth Brooks o Britney Spears, io scaricavo tutti i brani di Nas, De La Soul e Mos Def che riuscivo a trovare su LimeWire (ricordate LimeWire?). Mi stavo impegnando attivamente per imparare di più su una cultura che non avrei mai incontrato in un milione di anni all'interno della mia piccola bolla.

Questo non vuol dire che ascoltare l'hip-hop mi abbia fatto capire l'angoscia di essere una persona di colore in America. Non potrei mai farlo. Né sto dicendo che conoscere tutti i testi nelle librerie più comuni non fa di me un razzista. Sono ancora razzista. Non dubitarne per un secondo. Potrebbe non essere razzismo palese, ma è ancora lì.

Ad esempio, negli ultimi giorni, molti dei miei colleghi di DualShockers, le persone che amo e rispetto, saltano su una piattaforma più grande e parlano di cosa significa per loro. Il 99% di me è stato subito entusiasta per loro. Tuttavia, c'è questa vocina dentro che dice “ehi, lavoro duro come chiunque altro qui, e non mi viene mai chiesto di partecipare ai podcast. Che diavolo?"

E in quel momento, so che ho ancora tanto lavoro da fare. Lavoro molto duramente e, se continuo a farlo bene, avrò la mia opportunità, ma il mio lamento interiore di non partecipare a un podcast è uno scherzo. "Andiamo, amico", devo dire a me stesso esasperato.

Pertanto, NBA Via Vol. 2La colonna sonora non mi ha magicamente curato dal mio razzismo. Ma me lo ha fatto vedere. Mi ha fatto sapere che era lì. E, soprattutto, mi ha fatto riconoscere quanto sia facilmente radicato. Questo è qualcosa che non sarebbe mai successo senza il gioco.

Ecco perché penso che sia importante continuare a scrivere di videogiochi. Perché ci sono creatori straordinari che creano cose che più persone hanno bisogno di vedere. E l'unico modo in cui vedo andare avanti come popolo è iniziare a riconoscere ed entrare in empatia con le persone che sono "diverse": che si tratti del colore della pelle, dell'orientamento sessuale o altro.

Se posso mettere qualcuno al suo servizio NBA Via Vol. 2, poi ho fatto il mio lavoro di scrittore di giochi e di essere umano. Inoltre, non è come il mio viaggio personale per diventare non solo un razzista schietto, ma piuttosto un antirazzista attivo, iniziato e terminato nel 2003. È ovviamente una battaglia che sto ancora combattendo oggi nella ricerca di questi giochi e altri media per me. È una lotta che voglio continuare a condurre ogni giorno.

Uno dei miei obiettivi inespressi a DualShockers è sempre stato quello di evidenziare i piccoli giochi. Se ti prendi il tempo per sfogliare i miei articoli pubblicati, noterai che copro molti titoli indipendenti. È apposta. In molti modi, questi giochi sono più grandi di molto di ciò che offre il lato AAA del settore. Questi titoli mettono in luce creatori sottorappresentati o raccontano storie che probabilmente non venderebbero un milione di copie. Ma hanno un senso. Sono necessari. Ci spingono avanti come persone.

Sfortunatamente, ciò che non è sempre stato apposta per me è trovare giochi realizzati o caratterizzati da persone di colore. Certo, li evidenzierò se il gioco sembra interessante, ma non li sto cercando attivamente. La maggior parte delle volte, non prendo davvero attenzione alla persona dietro i giochi a cui gioco o di cui scrivo. Penso che sia ora di cambiarlo.

Quindi cerca più di me in futuro. Nel frattempo, controlla Generazione Umurangi, Dandra, et Dopo la festa. Questi giochi sono radiosi e vale la deviazione. Penso anche che presto avremo un articolo separato che sarà interessante.

E se qualcuno sta leggendo questo e vuole che venga sul tuo podcast, non sono disponibile. Detto questo, conosco delle persone fantastiche che lo sono.


Inoltre, ecco alcune risorse e forme di media incentrati sui giochi da condividere. Tieni presente che ce ne sono molti altri sparsi sui social media e sui siti web.

  • Black Lives Matter ha una pagina di risorse che puoi visitare che ti porterà a molti PDF, ad esempio, Healing Justice Toolkit è stato creato per "raccogliere, condensare e condividere le lezioni che abbiamo imparato per garantire che le nostre azioni dirette siano incentrate sulla guarigione della giustizia . “
  • Jesse Sparks ha pubblicato un post sul blog intitolato "7 risorse virtuali per la salute mentale a sostegno dei neri in questo momento" In un momento in cui c'è molta tensione e attività, questo potrebbe tornare utile per coloro che potrebbero aver bisogno di supporto.
  • Questo documento intitolato "Risorse contro il razzismo" è un elenco di vari tipi di media che fungono da "risorsa per i bianchi e i genitori per promuovere il nostro lavoro contro il razzismo". È ampio, ma molto dettagliato e vale la pena leggerlo.
  • le Podcast di Genera su di me cerca di far luce sulle persone di colore nell'industria dei giochi ed è ospitato da Khalief Adams.
  • Gamertag Radio è un podcast di videogiochi condotto da Parris Lilly, Danny Peña e Peter Toledo.
  • Spotify ha anche pubblicato una playlist Black Lives Matter con canzoni sull'empowerment e l'orgoglio con molti artisti neri e POC.
  • Gli sviluppatori del gioco di Color Expo hanno twittato per sviluppatori di giochi neri che potrebbero aver bisogno di assistenza.
  • Black Game Developers è un sito Web che presenta sviluppatori di giochi neri in tutto il mondo.

Ecco alcuni enti di beneficenza e suggerimenti di movimento che potresti considerare di supportare.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *