Notizie / Giochi

Unity rilascia una dichiarazione in cui promette modifiche alla nuova politica di monetizzazione per i giochi creati nel motore

logo del motore dell'unità

Dopo che molti sviluppatori indipendenti si sono espressi contro i piani recentemente annunciati da Unity di rivedere il modo in cui guadagna dai giochi sviluppati utilizzando il motore, la società ha rivolto la sua attenzione alla piattaforma multimediale social media X per rilasciare una nuova dichiarazione.

"Ti abbiamo sentito", si legge nel messaggio di Unity. "Ci scusiamo per la confusione e il disagio causati dalla politica sulle commissioni di adempimento annunciata martedì."

La società è stata recentemente criticata per la sua nuova politica di monetizzazione, che prevedeva di addebitare agli sviluppatori ogni volta che un gioco realizzato con Unity veniva installato sul sistema di un giocatore. Quando inizialmente annunciato, ciò includeva la reinstallazione dei giochi da parte dei giocatori. La nuova politica doveva anche essere retroattiva, applicandosi anche ai vecchi giochi basati su Unity.

"Stiamo ascoltando e discutendo con i membri del nostro team, la comunità, i clienti e i partner e apporteremo modifiche alla politica", continua la dichiarazione. “Condivideremo un aggiornamento tra pochi giorni. Grazie per i tuoi commenti onesti e critici.

Molti sviluppatori indipendenti si sono espressi contro la nuova politica di Unity, compreso lo studio dietro di essa Tra di noicosì come lo sviluppatore dietro il titolo roguelike indipendente Grotte di Qud.

Lo sviluppatore indipendente Rami Ismail ha criticato la nuova dichiarazione di Unity, dicendo che la società stava impiegando così tanto tempo per chiarire la sua nuova politica e che la dichiarazione era "terrificante". Ismail prosegue definendo la questione tra gli sviluppatori e il costruttore del motore una questione di fiducia.