Notizie / Giochi

Unity prevede di apportare modifiche all'implementazione delle tariffe di installazione

Unity prevede di apportare modifiche all'implementazione della tariffa di installazione

In una breve dichiarazione su X (ex Twitter), Unity confermato che avrebbero apportato modifiche alle nuove tariffe di installazione che intendono implementare con il loro motore nel 2024. Dopo aver ricevuto feedback dai membri del team, dalla comunità, dai clienti e dai partner, l'azienda ha deciso di apportare modifiche alla sua politica solo cinque giorni dopo . dopo l'annuncio iniziale. Unity ha affermato che fornirà un aggiornamento tra pochi giorni sulle imminenti modifiche alla sua politica sulle commissioni di installazione.

La dichiarazione completa rilasciata da Unity può essere visualizzata di seguito:

Gli sviluppatori che utilizzano Unity Engine per i loro giochi dovranno pagare una tariffa per ogni installazione effettuata dai giocatori a partire da gennaio 2024. Gli sviluppatori sono rimasti scioccati e sconvolti da questa decisione, provocando scalpore nella comunità dei giocatori, sia tra i piccoli sviluppatori indipendenti che in grandi aziende come Ubisoft. , Niantic e miHoYo utilizzano Unity Engine. L'unità è stata costretta a farlo chiarire questo è posizione e politiche future, ma sviluppatori e fan entrambi erano scontenti del spiegazioni fornito dall'Unità.

Unity aveva inizialmente pianificato di addebitare costi per installazioni multiple, ma ha deciso di abbandonare questa politica dopo che gli sviluppatori erano preoccupati che attori malintenzionati stessero abusando di questo sistema per eseguire installazioni multiple, operazione che veniva frivolamente chiamata "install bombing". I download di Game Pass conteranno comunque, ma l'onere del costo sarà a carico di Microsoft e non degli sviluppatori. Le demo non verranno addebitate purché si tratti di una sezione verticale del gioco e non di un download completo o di una beta.

Unity prevede di implementare un nuovo modello di commissioni di installazione il 1° gennaio 2024.