Notizie / Giochi

Il dirigente di Riot Games sotto inchiesta dopo aver accusato l'omicidio di George Floyd di uno stile di vita criminale

Il dirigente è stato posto in congedo mentre sono in corso le indagini.

Ieri è stato riferito che il Global Head of Consumer Products di Riot Games, Ron Johnson, ha condiviso un'immagine sulla sua pagina Facebook personale con una dichiarazione in cui si fa riferimento al compianto George Floyd che è stato assassinato il mese scorso mentre era detenuto dalla polizia. Johnson ora sarebbe in congedo.

Come riportato da Vice, Riot Games ha avviato un'indagine su Johnson dopo che è stato mostrato lo screenshot del suo account personale per minimizzare l'omicidio di George Floyd. L'immagine che ha condiviso era una foto di George Floyd con la didascalia sulla foto: "I media e la sinistra hanno reso George Floyd un martire, ma chi era veramente?" con il resto del testo che elenca una storia di attività criminale.

Lo stato di Johnson che ha scritto mentre condivideva l'immagine recita: "Questo non è un motivo per condonare la sua uccisione da parte dell'ufficiale, che deve ancora essere indagato come potenziale crimine", dice. “È un'opportunità di apprendimento per le persone (e per i tuoi figli) per insegnare che questo tipo di stile di vita criminale non si traduce mai in cose buone per te o per chi ti circonda.

Come sottolinea Vice, lo status condivide il sentimento condiviso online da pensatori generalmente conservatori, che scusano l'omicidio, suggerendo che Floyd fosse responsabile della propria morte perché in precedenza era stato coinvolto in attività criminali.

"Siamo stati informati del post sui social media e abbiamo avviato un'indagine", ha detto a Vice un rappresentante di Riot Games. "Diremo con fermezza che il sentimento in questa immagine è ripugnante, contrario ai nostri valori e direttamente contrario alla nostra convinzione che affrontare il razzismo sistemico richieda un cambiamento sociale immediato, che abbiamo dettagliato negli impegni presi venerdì. . Sebbene non discutiamo i dettagli delle nostre indagini o dei loro risultati, stiamo monitorando attentamente il nostro processo disciplinare e lo abbiamo messo in congedo in attesa della sua conclusione. Dopo aver setacciato Facebook di Johnson, Vice riferisce di aver condiviso post che si collegano al pensiero conservatore.

Gli impegni presi da Riot Games la scorsa settimana sulla scia del movimento Black Lives Matter sono stati condivisi tra i dipendenti dal presidente di Riot Games Dylan Jadeja. La dichiarazione riguardava donazioni e iniziative che l'azienda intraprenderà in futuro.

Mentre Riot Games è attualmente sotto i riflettori grazie al suo ultimo successo competitivo, valoroso, l'anno scorso, lo studio ha avuto un bel giro. Ci sono state segnalazioni di discriminazione di genere e una cultura del sessismo in studio. È stato anche organizzato un massiccio sciopero per protestare contro la politica di arbitrato forzato della società. Alla fine del 2019, Riot Games ha accettato di pagare 10 milioni di dollari per l'accordo sulla discriminazione di genere.