Notizie / Giochi

Tales of Arise News non arriverà tramite lo stream Tales of Festival 2020

Lo streaming di Tales of Festival 2020 sarà sicuramente divertente, poiché includerà il seiyuu di Lloyd e Zelos, Katsuyuki Konishi e Masaya Onosaka.

Bandai Namco ha annunciato un nuovo Racconti di La componente Festival si svolgerà il 14 giugno e includerà le “ultime informazioni sul Racconti di Series, che nel 25 festeggia il suo 2020° anniversario", ma è stato anche chiarito che "Non ci saranno annunci e novità sul gioco", il che significa Tales of Arise nuovo.

Invece, questo flusso è un antipasto per Racconti di Festival 2020, posticipato dal 2020 marzo 6 al 7 marzo 2021, a causa della pandemia di Covid-19. Il tema dello streaming è godersi Tales of Festival da casa (con l'hashtag #おうちでテイフェス) e includerà la parte divertente di Tales of Festival, non il nuovo annuncio.

La pagina YouTube dello stream è qui. Lo streaming si svolgerà il 14 giugno alle 20:00 JST, fare clic qui per un grafico di conversione del tempo.

Intitolato ufficialmente Tafes 2020 Alternative ~Preemptive Live Stream~, lo streaming conterrà il seiyuu di Lloyd e Zelos da Racconti sinfonici: Katsuyuki Konishi e Masaya Onosaka. Entrambi sono ambasciatori ufficiali e clienti abituali Racconti di eventi.

Tales of Arise è stato annunciato per la prima volta all'E3 2019, quindi a giugno è passato un anno intero da allora. Sarebbe fantastico se Bandai Namco rivelasse di più sul gioco ora, in particolare mostrandoci il gameplay reale e il sistema di battaglia. L'ultima volta che abbiamo ricevuto nuovi dettagli sul gioco è stato al Tokyo Game Show 2019 lo scorso settembre. Inoltre, tutto Tales of Arise è stato annunciato per il 2020, personalmente mi aspetto che venga annunciato un ritardo al 2021 poiché la pandemia ha rallentato tutto. Non sarebbe troppo strano che il gioco venisse lanciato anche su PS5 e Xbox Series X. L'ultimo gioco principale, Tales of Berseria, rilasciato nell'agosto 2016 per PS3 e PS4 in Giappone. È stato rilasciato su PS4 e PC in Occidente a gennaio 2017.

Tales of Arise Doveva anche essere mostrato durante il rinvio all'estate e poi cancellato il Taipei Game Show 2020. Era previsto dal 6 febbraio al 9 febbraio 2020. Tuttavia, non c'era alcuna garanzia che nuove informazioni sarebbero state condivise lì, e nel mio opinione, sarebbe stato semplicemente un evento che mostrava trailer precedenti ma sottotitolato in cinese.

Inoltre, è importante notare il caso di Stagione degli Idolmaster Starlit, un altro gioco Bandai Namco in arrivo. Un live streaming del gioco avrebbe dovuto svolgersi durante Niconico Net Chokaigi 2020, ma è stato cancellato e mai riprogrammato. Da allora non abbiamo più notizie del gioco. Ciò ovviamente non significava che fosse stato cancellato o altro, ma è interessante come il Covid-19 abbia rovinato due importanti uscite di Bandai Namco in arrivo. . Spero che riescano a superare questo ostacolo. E forse Tales of Arise avrà un'apparizione a sorpresa in uno dei miliardi di eventi diversi quest'estate. Controlla il nostro calendario se hai problemi a tenere traccia di tutto.

Infine, nelle notizie correlate, Racconti di Crestoria sul cellulare è stato ritardato a tempo indeterminato dalla sua pubblicazione all'inizio di giugno per i suoi ultimi adeguamenti. In questi casi, una nuova data di rilascio imminente tende ad essere annunciata rapidamente, quindi non credo che aspetteremo ancora a lungo e speriamo che il team di sviluppo riesca a perfezionare il gioco come desiderato.

Puoi controllare tutto ciò che sappiamo finora Tales of Arise, trailer, screenshot, oltre a interviste tradotte, commenti del cast e dello staff, con la nostra copertura passata qui, qui, qui, qui e qui.

Tales of Arise Ufficialmente previsto per il lancio nel 2020 su PC, PS4 e Xbox One.

Ultimo ma non meno importante, come promemoria, Bandai Namco è anche dalla parte di Black Lives Matter, che dovrebbe vedere un tema ricorrente in Racconti di giochi è razzismo, anche in Tales of Arise, che includerà la schiavitù a titolo definitivo. Ma a quanto pare i media giapponesi non sono politici ¯ _ (ツ) _ / ¯