Notizie / Giochi

Resident Evil 3 Remake pratico: la formula del remake di Capcom è ancora letale

Resident Evil 3 è un gioco facile da vedere in anteprima. Probabilmente sarà anche una partita facile da rivedere. Ora ho la fortuna di aver giocato diverse ore al gioco, ma ad essere sincero, la pratica non ha cambiato troppo il mio modo di pensare o il modo in cui lo consiglierei. Ti è piaciuto il remake di Resident Evil 2? Ne vuoi di più? Ti va bene passare all'azione? Se la risposta a queste domande è anche lontanamente sì, questo gioco fa per te.

Il remake di Resident Evil 2 dell'anno scorso è stato davvero eccellente. Onestamente ha stabilito il livello di ciò che potrebbe essere una rivisitazione e un remake di un videogioco classico e amato. RE2 Remake è l'asticella che Final Fantasy 7 Remake dovrà superare quando uscirà tra poche settimane, sempre che l'asticella non venga alzata un po' più in alto da Resident Evil 3.

La buona notizia è che la brillantezza è ancora presente in questo titolo. Entrambi i remake sono stati sviluppati simultaneamente, da qui il rilascio rapido, con il team di RE3 che lavorava sulle prime fasi del gioco mentre si lavorava su RE2 per il rilascio finale. I due hanno molto in comune, gran parte del quale deriva dal "RE Engine" condiviso che ha alimentato tutti i principali titoli di Capcom a partire da Resident Evil 7. Ciò presenta somiglianze: l'interfaccia utente e i controlli sono più o meno identici, ad esempio. Anche la grafica lo è, portando con sé tutta la sporcizia e gli straordinari personaggi fotorealistici con scansione dei volti che hanno fatto risaltare Resident Evils 7 e 2.

residente_male_305-1

Ciò che RE3 differisce è nel tono generale e nel ritmo del gioco. Per usare un'analogia cinematografica spesso abusata, se RE2 è Alien o The Teminator, allora RE3 è Aliens o Terminator 2, dove l'orrore cede il passo. Tempo per l'azione e l'esplosività. , anche se ancora con il tipo di tensione che provoca un simile nodo allo stomaco. orrore. Questo era vero per l'originale e il remake gli è completamente fedele.

Parliamo quindi di Nemesis. Nemesis è la caratteristica distintiva di RE3, al punto che il nome è stato aggiunto alla versione originale del gioco per PS1 come sottotitolo. Nemesis è un nemico enorme e invincibile che vuole solo perseguitarti e ucciderti, e gran parte della tensione del gioco non deriva dagli zombi che si nascondono ma dalla minaccia sempre presente di Nemesis che salta dall'alto o distrugge un muro per te.

Tutto ciò potrebbe sembrare familiare ai giocatori del remake di RE2, poiché in quel gioco il ruolo del mutante "Tiranno" è stato ampliato e modificato per assomigliare più da vicino al concetto di Nemesis. Nonostante il Sig. È cattivo. Più mortale. Ti fa piegare in avanti sulla sedia e ti fa irrigidire. Lui è fantastico.

Nemesis è simile a Mr. Tuttavia, è un mutante evoluto – un gradino sopra – quindi è più mortale. Questa è stata onestamente la più grande sorpresa di questo pratico Resident Evil 3 Remake: che Nemesis si distingueva dal Tyrant migliorato e più spaventoso di RE2 Remake.

"Quando stavamo costruendo RE2, giusto, sapevamo che avremmo fatto anche RE3 e c'è qualche sovrapposizione con lo sviluppo", ha spiegato Peter Fabiano, produttore di RE7, 2 e 3. "Il regista, ha visto che stavano facendo il Tiranno in RE2 e dice... Ma cosa...?! Loro, sai, hanno preso il Tiranno e in un certo senso lo hanno nemesificato, giusto? In mancanza di una parola migliore.

“Quindi lui dice, okay, beh, dobbiamo superare questa cosa. Devo far sentire Nemesis ancora meglio. E poi il fatto è, sai, ciò che risalta è che nella tradizione, per diventare un Nemesis, devi prima essere un Tiranno, poi iniettarti il ​​parassita e poi diventare Nemesis. “

Il risultato è che Nemesis si distingue davvero come una versione più grande, migliore e più cattiva di MX. Può allungarsi con lunghi tentacoli per afferrarti da lontano, farti inciampare o trascinarti verso di lui. È più veloce del Tyrant ma può anche percorrere grandi distanze, il che significa che se sei all'aperto - e RE3 ha strade cittadine molto più aperte rispetto al suo predecessore - può semplicemente saltare da molto dietro di te proprio di fronte a te, pronto a colpirti viso.

Nemesis può anche usare le armi. My Hands termina con lui che dondola con un lanciafiamme per inseguire Jill in un edificio, dando fuoco a tutto finché il tetto non si trasforma in un'arena di combattimento con un boss in fiamme. Non è così divertente incontrarlo in casi come questo, in cui sei bloccato in un videogioco in cui devi continuare a combattere, ma per le strade di Raccoon City, evitando gli zombi e scappando da Nemesis mentre combattere per le strade verso il tuo prossimo obiettivo è esilarante in un modo nuovo.

La capacità di fuggire è facilitata da una delle aggiunte più importanti, copiata dall'originale: una vera e propria schivata. Ottenibile premendo un pulsante mentre miri con la tua arma, Jill può schivare rapidamente e insinuarsi in avanti per evitare di colpire gli zombi o un attacco di Nemesis. Prendi il momento giusto e lo schermo lampeggerà mentre Jill effettua un tiro di combattimento, quasi come quando ottieni una schivata perfetta in un gioco di pura azione. C'è anche una maggiore abbondanza di pericoli sparsi per il mondo, come cavi elettrici esposti e barili pieni di bella benzina esplosiva che può essere sparata per ritardare Nemesis o eliminare un gruppo di zombi.

Il ritmo stabilito da Nemesis e dalle aggiunte come quelle sopra è più frenetico di RE2, ma ciò non significa che sia un gioco che non richiede tempo per respirare. Semmai l'azione è più frenetica ma il tempo viene impiegato anche per altro. Risolverai comunque gli enigmi tornando indietro qua e là per scoprire gli elementi chiave di cui hai bisogno. Ci sono ancora oggetti mancabili ovunque, inclusi potenziamenti per le armi e oggetti curativi, e con Nemesis che ti insegue, è più difficile giustificare il fatto di fare di tutto per catturarli. L'ambientazione è spesso più aperta, ma c'è comunque un'energia claustrofobica che significa che è un'esperienza più contenuta rispetto ad altri titoli Resident Evil più ricchi di azione, con suplex di zombi e colpi di blocco.

Ad un certo punto, guidi Jill attraverso un labirinto claustrofobico mentre creature da incubo si precipitano verso di lei. In un altro, devi risolvere un enigma rudimentale per deviare un treno della metropolitana di Racoon City e fornire una via di fuga. All'interno degli edifici, il ritmo spesso rallenta: Nemesis non riesce sempre a stare al tuo passo, quindi ci sei solo tu e gli zombie. Il ritmo oscilla tra questi diversi stati e, a sua volta, speriamo che nessun singolo elemento di RE3 superi il suo gradimento nella versione finale.

residente_male_303

Come ho detto, è un gioco facile da vedere in anteprima. L'originale Resident Evil 3 iniziò come spin-off e fu promosso senza troppe cerimonie a Resident Evil numerato quando Capcom si rese conto che il gioco successivo, come originariamente previsto, non sarebbe stato pronto in tempo per essere rilasciato come gioco originale per PlayStation. In quanto tale, si è trattato di un insieme di lavoro: ripetere e sviluppare il design e i sistemi di RE2, ma non reinventare.

Basandosi sulla versione di anteprima a cui ho giocato, questo remake è praticamente lo stesso. Si basa sull'eccellente lavoro del remake di Resident Evil 2: ha portato tutto fino a undici e mette alla prova la struttura stessa del design del gioco allungandolo il più possibile. Il risultato dovrebbe essere ancora una volta altrettanto positivo di quello del 1999, se non di più.

Tutto ciò lascia anche qualche dubbio su cosa potrebbe accadere dopo. Qualsiasi remake di RE4 dovrebbe essere notevolmente diverso da RE2 e 3, e ci sono ancora alcuni succosi punti in sospeso di RE7 che la serie dovrà affrontare in un'ottava voce. Forse ne avremo uno o entrambi all'inizio della prossima generazione, ma per ora, state certi che RE3 Remake si preannuncia come un perfetto saluto a quella che è stata una generazione che ha ridefinito la serie di Resident Evil.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *