Notizie / Giochi

I produttori di Borderlands, Gearbox, non riescono a sfuggire ai licenziamenti di Embracer nonostante la recente vendita, poiché lo studio conferma ulteriori tagli

Anche se apparentemente è sfuggito all'Abbraccio della morte grazie alla sua vendita a Take-Two alla fine del mese scorso, Gearbox Entertainment non è rimasta indenne. Lo studio ha confermato una serie di licenziamenti poco dopo l'annuncio della vendita, chiarendo al tempo stesso che nessuna posizione relativa allo sviluppo del gioco è stata interessata.

Come notato da Eurogamer, lo staff di Gearbox è passato ai social media poche ore dopo aver annunciato che la società stava vendendo al proprietario di Grand Theft Auto Take-Two Interactive per 460 milioni di dollari, con un messaggio dell'ex dirigente delle pubbliche relazioni Jennifer Locke. dichiarante che “innumerevoli” posti di lavoro erano andati perduti.

Un rappresentante di Gearbox ha successivamente confermato i licenziamenti presso Eurogamer, rivelando che la diffusa ristrutturazione di Embracer - che ha comportato la perdita di centinaia di posti di lavoro e la chiusura di interi studi nell'ultimo anno - aveva effettivamente colpito il team prima della loro fuga. La dichiarazione afferma che "il programma di ristrutturazione di Embracer ha avuto un impatto su parti di Gearbox", aggiungendo che i ruoli interessati "non sono legati allo sviluppo dei giochi Gearbox Software". Il numero esatto dei licenziamenti non è stato rivelato.

Questi giochi in sviluppo includono un nuovo sequel di Borderlands - forse Borderlands 4 - che Take-Two ha recentemente confermato essere in sviluppo attivo, insieme a un nuovo gioco Homeworld. I nuovi proprietari di Gearbox si sono anche aggiudicati i diritti dello spin-off sorprendentemente divertente (e divertente) di D&D with guns Tiny Tina's Wonderlands per quello che vale, insieme a Risk of Rain, Brothers in Arms e Duke Nukem. Remnant e Hyper Light Breaker, nel frattempo, rimasero Abbracciati.

Anche Gearbox Publishing San Francisco – precedentemente nota come Perfect World Entertainment – ​​è rimasta sotto l’egida di Embracer, mentre i suoi studi in Texas, Montreal e Quebec si sono trasferiti a Take-Two. Secondo quanto riferito dal media locale Gamepraat, l'ufficio editoriale di Gearbox ad Amsterdam è stato colpito dai nuovi licenziamenti, perdendo circa un terzo del suo team, ovvero otto persone. Nel frattempo, lo studio di supporto di proprietà di Gearbox Lost Boys Interactive rimane un team Embracer, avendo già subito licenziamenti l'anno scorso.

Dopo aver sopportato alcuni mesi turbolenti mentre circolavano notizie di una possibile vendita, Gearbox è, ahimè, quasi riuscita a farcela - con Embracer che recentemente ha suggerito che la loro ristrutturazione avrebbe finalmente posto fine al bagno di sangue alla fine di marzo e avrebbe permesso alla megacorp di "guardare verso il futuro". .

Vale la pena dire che tutto ciò avviene nonostante il fatto che Lars Wingefors, capo carnefice e amministratore delegato di Embracer, abbia recentemente definito Gearbox "uno dei migliori sviluppatori al mondo" e abbia riconosciuto il "grande successo dello studio con Borderlands", aiutato dal suo " risorse più preziose, vale a dire i nostri sviluppatori di giochi”. In realtà, niente aggiunge quel tocco umano quando si mettono senza lavoro centinaia e centinaia di persone come descrivere gli esseri viventi come “beni preziosi”. Buona fortuna alle persone colpite.