Notizie / Giochi

Non si adatta all'Asus ROG Ally X, ma il Project Killswitch di Dbrand è un bel aggiornamento per l'originale Ally.

Uno dei miei casi preferiti di Steam Deck, oltre a quello che ottieni gratuitamente con Steam Deck OLED, è il Dbrand Project Killswitch. Non è tanto un contenitore per il trasporto quanto una seconda pelle rinforzata, che offre protezione senza l'ingombro di una custodia tradizionale, aggiungendo al contempo pratici bonus come un cavalletto a clip e coperture per controller. Per i possessori dell'Asus ROG Ally, il recente lancio di un progetto Killswitch per il proprio laptop dovrebbe quindi rappresentare una buona notizia con ulteriore gioia, anche se non sarà adatto anche al prossimo ROG Ally X.

Grazie alla batteria più grande del nuovo dispositivo, all'SSD più grande e al layout dei connettori rielaborato per questa particolare mancanza di compatibilità con le versioni precedenti, come il silicone ROG Ally Tight del Killswitch. Un peccato, ma almeno è un'aggiunta di qualità all'originale Ally proprio in questo momento. Ne uso uno da una settimana ed è pratico e protettivo quanto la versione Steam Deck.

In un certo senso, è anche meglio. In generale, il Project Killswitch di Ally è proprio quello dello Steam Deck in una forma diversa: la custodia in silicone finemente strutturata si adatta perfettamente al palmare, mentre una robusta copertura in plastica può agganciarsi alla parte anteriore quando è il momento di viaggiare. Questa custodia protegge lo schermo, i pulsanti e i controller e, quando sei pronto per giocare, basta toglierla e accenderla. Niente cerniere, fermagli o valigie rigide che potrebbero essere goffamente riconfezionate quando sei schiacciato sul sedile dell'autobus. Allo stesso tempo, il concetto presenta alcuni miglioramenti visibili. Principalmente, i ritagli delle prese d'aria posteriori dell'Ally sono ora ricoperti da una rete metallica, consentendo comunque il flusso d'aria ma proteggendo meglio l'hardware dai colpi. Nel caso del Killswitch del Deck, il foro di sfiato è proprio questo: un buco.

Credito immagine: Fucile di carta sasso

La versione Ally include anche le proprie coperture per i pulsanti del volume, a differenza di quelle dello Steam Deck, dove devi quasi infilare il dito in una rientranza in silicone per premere i pulsanti non protetti del dispositivo. E anche se su entrambi i modelli è presente un cavalletto, è allo stesso tempo più robusto e più allineato con il case dell'Aly. Ciò è in parte dovuto al fatto che il supporto è completamente integrato, senza meccanismo modulare di attacco/sgancio, il che potrebbe essere considerato un downgrade se raramente hai bisogno di tenere il laptop in posizione verticale. In questo caso, tuttavia, il supporto è abbastanza snello da poter cavarsela.

Ovviamente, tutto ciò non significherebbe molto se il Killswitch sbattesse come un Biscoff ad ogni colpo. Fortunatamente, la versione ROG Ally è ancora più che sufficiente per bloccare i danni. L'ho sbattuto in una borsa per diversi giorni, prima di tirarlo fuori per farlo cadere intenzionalmente più volte sul pavimento, e l'unico risultato negativo è stato dover spiegare ad una fidanzata perplessa quale fosse il suono dello sbattimento. Io posso può essere guarda la pelle in silicone consumarsi visibilmente nel corso, diciamo, di mesi, ma finora la custodia Killswitch non ha subito un graffio, e tanto meno ne ha permesso uno sull'Aly all'interno.

Un Asus ROG Ally completamente coperto nella custodia Dbrand Project Killswitch, inclusa la copertura frontale opzionale.

Credito immagine: Fucile di carta sasso

A differenza della maggior parte delle custodie portatili, la sua utilità non viene messa in pausa quando è il momento di giocare. Sebbene il silicone del Killswitch aggiunga un po' di peso in mano – 137 g, per l'esattezza – serve a rendere l'Aly meno scivoloso e più sicuro, un miglioramento tangibile considerando la profondità e la consistenza delle impugnature del dispositivo. Lasciarsi trasportare in questo modo non ha effetti negativi nemmeno sulla temperatura: una temperatura interna di 60°C, durante un round di Hades 2, è salita solo a 61°C con il Killswitch applicato. E avrai una presa più comoda se opti per le impugnature per i pollici opzionali, che avvolgono i piccoli bastoncini dell'Alyy per fornire una superficie del pollice più ampia e più antiscivolo.

Questo è assolutamente il tipo di set di accessori che vorrai lasciare permanentemente, anche se potrebbe anche avere qualcosa a che fare con l'ottenimento di ciò per cui paghi. L'unico motivo per cui Project Killswitch crea difficoltà, non lo so, è il suo prezzo, a partire da $ 60 (circa $ 47) per un "kit essenziale" che non include nemmeno la copertina anteriore della custodia. Il kit da viaggio è l'offerta più intelligente, poiché aggiunge la copertura e le impugnature per i pollici, sebbene sia comunque un investimento significativo a $ 75 / £ 59.

Un primo piano delle cover del controller Asus ROG Ally incluse nel kit da viaggio Dbrand Project Killswitch.

Credito immagine: Fucile di carta sasso

Da hacker tecnologico, non posso non sottolineare che per £22/$26 il tuo alleato potrebbe avere un JSAUX ModCase, una custodia simile in stile wrap 'n' cover che, come Project Killswitch, è nata come mazzo accessorio di Steam prima di diventare ROGificato. Detto questo, se somiglia qualcosa alla versione Deck, non sarà così aderente o addirittura protettivo come il design di Dbrand. La copertina anteriore di quest'ultimo, per esempio, fa un lavoro migliore nell'allungarsi verso il basso e attorno ai pulsanti sulle spalle L2 e R2; la copertina del ModCase sembra lasciare un vuoto qui, come nel design dello Steam Deck.

In altre parole, vale la pena entrare nel progetto Killswitch. Potrebbe essere costoso, ma dal case robusto agli extra convenientemente progettati, ottieni quello per cui paghi nel miglior senso possibile.