Nelle notizie, Notizie / Giochi, Nintendo

Recensione: Biomutant (Nintendo Switch) –

Ehi, quello è Rocket di GOTG? NO. Un po' simile, ma non così arrabbiato e senza armi fantastiche... almeno all'inizio. In realtà, non sono proprio sicuro di cosa sia (o fosse) la creatura, ma è lui l'eroe di questa storia, quindi andiamo avanti.

Il nostro gioco del giorno è Biomutant e già dal titolo sono sicuro che saprete tutti dove stiamo andando a parare. Sì, come già sospetti, ci saranno opportunità di sperimentare mutazioni per migliorare il nostro piccolo eroe. All'inizio non puoi cambiare tutto, ma, come si suol dire, arrivarci è metà del divertimento.

Biomutant non era proprio quello che pensavo sarebbe stato, secondo l'editore: THQ Nordic. Ho giocato ai giochi di questo studio e ho incontrato alcune persone simpatiche di THQ nel periodo dell'E3. Alcuni dei giochi basati sulla trama a cui ho giocato erano fatti molto bene, ma questo è un gioco open world in 3D che è più simile ai nuovi ambienti di Zelda. Vorrei dire che ci sono punti positivi e negativi, ma non funzionerebbe davvero. Ci sono alcuni elementi che sono facili da classificare, ma ce ne sono altri che sono, per citare un diverso personaggio GOTG, "un po' di entrambi".

A prima vista, le immagini sono molto ben realizzate. Alcuni dettagli fini diventano un po' sfocati quando ti avvicini. Potrebbe essere un problema di Switch. C'erano alcune bellissime piante erbose alte con cime sottili che sembravano fantastiche quando il nostro eroe era a circa 10 passi di distanza nel gioco. Una volta che si è avvicinato di qualche passo, puoi vedere i punti colorati sconnessi usati per rappresentare le estremità piumate della pianta. Assomigliava un po' al dipinto di Bob Ross di un sempreverde, dove stava facendo una serie di colpetti sulla tela. Ma nei giochi 3D in cui le cose si muovono, l'illusione inizia a rompersi e il nostro alberello felice sembra un po' triste. Nel complesso la grafica è buona e il mondo che è stato costruito è popolato di cose interessanti da guardare, con cui interagire e talvolta hackerare, sparare o ridurre in poltiglia. Divertente, vero?

Quando avvii il gioco, puoi selezionare alcune caratteristiche del tuo avatar. Puoi scegliere il tuo equilibrio preferito di tratti come resistenza, intelligenza, agilità, ecc. Puoi anche scegliere un tipo di pelliccia (colore e modello). Man mano che avanzi in questo mondo, devi completare missioni e obiettivi tipici. Puoi raccogliere oggetti che puoi utilizzare immediatamente e oggetti che puoi salvare per ottenere nuovi potenziamenti e mutazioni. Speravo in un po' più di interazione su questa piattaforma open world, ma i primi passi sembrano essere per lo più percorsi pre-pianificati con semplici istruzioni "vai dal punto A al punto B".

Ciò è in parte dovuto al fatto che i primi elementi sono un po' di riscaldamento. Ci sono anche alcune istruzioni fornite per abituare il giocatore al movimento e alle meccaniche di attacco. Uno degli aspetti positivi/negativi è testare combinazioni di mosse, parate e attacchi con determinati avversari. Biomutant offre un solido mix di arti marziali e combattimento con armi da fuoco, quindi è utile allenarsi sul posto di lavoro. Tuttavia, durante l'allenamento è stato un po' frustrante difendersi e attaccare un boss solo per vederlo non subire danni e senza ricevere alcun promemoria di ciò che avresti dovuto imparare da questa situazione.

Il paesaggio sonoro ha una buona musica di sottofondo ed effetti sonori. Anche qui il bello/brutto è il racconto della storia. La performance è un misto di una voce chiara e raffinata che fornisce le battute e di una sorta di storia prevedibile e poco coinvolgente.

Alcune delle creature che affronti durante il gioco, dalle piccole creature ai grandi boss, dimostrano visivamente un buon senso di creatività. Puoi giocare con più mutazioni nel tempo. Le tue abilità cambiano con il tuo equipaggiamento, quindi puoi fare cose sempre più interessanti. Puoi anche avere una cavalcatura nel gioco in modo da non dover vagare ovunque.

Alcune parti del mondo hanno delle belle aree da esplorare come parte del mondo aperto, e ci sono anche moltissimi edifici in cui curiosare. Sembrano un po' come un semplice dungeon crawl, ma con meno cose con cui interagire. Dopo una dozzina di ore circa, le cose iniziano a sembrare monotone e talvolta inutili.

Fortunatamente, i controlli non sono troppo complessi, quindi l'aspetto fisico del gioco non diventa una seria distrazione dall'intera esperienza. La fotocamera potrebbe, tuttavia, trarre vantaggio da un migliore posizionamento per fornire un’immagine più stabile e un tracciamento affidabile, soprattutto durante il combattimento.

Mi è piaciuto Biomutant in generale, ma sento che gli sviluppatori hanno deciso di lesinare su alcuni contenuti e di perfezionarli per rispettare una scadenza. Il biomutante sembra essere circa l’80% di quello che potrebbe e dovrebbe essere.