Notizie / Giochi

Quando iniziamo la transizione a PCIe 4.0, arriverà PCIe 6.0

Forse alcuni dei progressi più entusiasmanti compiuti nella tecnologia informatica sono quelli compiuti nell'area del trasferimento dei dati. PCIe, lo standard del bus seriale, collega molti dei nostri componenti di trasferimento dati al processore o al chipset e ogni generazione iterativa aumenta la larghezza di banda e la velocità di trasferimento dei dati in modo astronomico. Stiamo appena iniziando l'aggiornamento a PCIe 4.0, ma già PCIe 6.0 è a buon punto.

Il consorzio PCI-SIG (Peripheral Component Interconnect Special Interest Group) (tramite VideoCardz) ci ha recentemente fornito ulteriori informazioni sull'imminente standard PCIe 6.0, nonché su PCIe 4.0 e 5.0. I due aspetti principali sono che PCIe 6.0 dovrebbe raddoppiare la larghezza di banda di PCIe 5.0, con una larghezza di banda di 64 GTps (gigatransfer al secondo) e la specifica dovrebbe essere finalizzata nel 2021.

La maggior parte di noi usa ancora PCIe 3.0 per collegare tra loro le migliori schede grafiche, i migliori SSD e le migliori CPU perché PCIe 4.0 ha visto un avvio lento sulle schede madri, specialmente per Intel. Ma ci aspettiamo che le piattaforme Intel Rocket Lake-S e AMD Zen 3 introducano il nuovo standard di interconnessione.

AMD è in vantaggio quando si tratta di PCIe 4.0, con le sue schede madri B550 e X570, nonché i processori Zen 2 Ryzen 3000, che supportano lo standard. Intel, d'altra parte, è leggermente indietro con i suoi processori Core di 9a e 10a generazione e le schede madri compatibili che eseguono solo PCIe 3.0. Non è fino al prossimo anno, con i processori Rocket Lake-S di nuova generazione, che ci aspettiamo di vedere una piattaforma Intel PCIe 4.0.

Ogni nuova iterazione dello standard di interconnessione sembra raddoppiare la larghezza di banda della precedente e questo drammatico aumento del throughput dei dati fa sì che molti si chiedano se abbiamo bisogno di qualcosa di più delle offerte PCIe 3.0. Sì, gli SSD possono utilizzare quel throughput extra, ma le schede grafiche al momento non ne hanno bisogno e chi ha davvero bisogno di 16 GTps dall'SSD comunque?

La risposta è che potremmo presto. I giochi hanno visto una crescente dipendenza dalla memoria e dalla velocità di trasferimento dei dati poiché la fedeltà grafica e le risoluzioni aumentano in modo massiccio, e continuerà in quella direzione solo quando le console di nuova generazione verranno rilasciate con le loro nuove sofisticate tecnologie di archiviazione. Abbiamo già sentito voci secondo cui le schede grafiche di nuova generazione potrebbero avere fino a 24 GB di memoria. Tutto sommato, sembra che le incredibili velocità di trasferimento saranno uno dei pochi nuovi progressi che faranno avanzare il gioco, insieme all'IA e al ray tracing opportunamente ottimizzati.

Più o meno nello stesso periodo in cui si prevede che PCIe 4.0 raggiungerà il mercato dei giochi per PC mainstream nel 2021, dovremmo anche vedere finalizzate le specifiche PCIe 6.0, secondo PCI-SIG. Questo standard è progettato meno per il consumatore e più per l'elaborazione su larga scala, il che ha senso, dal momento che l'hardware e le applicazioni del consumatore non saprebbero cosa fare con una velocità di trasferimento dati di 64 GTps. Ma chissà cosa riserva il futuro?